Omalizumab: potenziale rischio di eventi trombotici arteriosi


Il trattamento con Omalizumab ( Xolair ) può essere associato ad aumentato rischio di eventi trombotici arteriosi.

Omalizumab è un anticorpo monoclonale che inibisce l'immunoglobulina E ed è autorizzato per il trattamento dell’asma allergico, grave, persistente in pazienti di età uguale o superiore ai 6 anni, nei quali il trattamento standard abbia fallito.
Omalizumab è solitamente somministrato per via sottocutanea ogni 2-4 settimane.
E’disponibile come polvere da 150 mg e solvente per soluzione iniettabile.

In studi clinici controllati e in uno studio osservazionale in corso ( EXCELS ), uno squilibrio numerico di eventi trombotici arteriosi è stato osservato con l'uso di Omalizumab; tuttavia, il risultato dello studio EXCELS non è risultato statisticamente significativo.
Gli eventi trombotici arteriosi comprendono: ictus, attacco ischemico transitorio ( TIA ), infarto miocardico, angina instabile, e morte cardiovascolare ( compresa la morte da causa sconosciuta ).

EXCELS è uno studio osservazionale che ha coinvolto quasi 5.000 pazienti trattati con Omalizumab; il gruppo di controllo è costituito da circa 2.500 pazienti.
Lo studio ha come obiettivo quello di valutare l'efficacia clinica e la sicurezza a lungo termine di Xolair nei pazienti con asma da moderata a grave.
Il periodo osservazionale è di 5 anni.

I dati provvisori dello studio EXCELS hanno mostrato un rischio di eventi trombotici arteriosi per 1000 pazienti-anno di trattamento di 5.59 nel gruppo Omalizumab e 3.71 nel gruppo controllo ( hazard ratio aggiustato, HR=1.11 ).
Negli studi clinici controllati, presi in esame, gli eventi trombotici arteriosi per 1000 pazienti-anno sono stati pari a 6.29 nel gruppo Omalizumab e 3.42 nel gruppo controllo ( HR=1.86 ). ( Xagena2011 )

Fonte: Drug Safety Update – MHRA, 2011


Cardio2011 Pneumo2011 Farma2011

Articoli correlati

Arixtra nella prevenzione degli eventi tromboembolici venosi

Report IQWiG: Prasugrel appare più efficace di Clopidogrel nel ridurre gli infarti miocardici non-fatali, ma sembra essere associato a un maggior danno

Lineeguida ESC sul trattamento dell’infarto miocardico nei pazienti sottoposti ad angioplastica: Bivalirudina raccomandata in sostituzione della Eparina

Studio TRILOGY-ACS: Prasugrel non superiore a Clopidogrel nei pazienti con sindromi coronariche acute non-sottoposti a rivascolarizzazione

Studio DESSOLVE II CE: MiStent SES superiore a Endeavor Sprint

Studio dal-OUTCOMES: Dalcetrapib aumenta i livelli di colesterolo HDL, ma appare privo di effetto sugli endpoint clinici

Nuove lineeguida statunitensi sulla cardiopatia ischemica stabile: informazioni per gli operatori sanitari

Benefici cardiovascolari e rischi di diabete della terapia con statine nella prevenzione primaria

Prasugrel versus Clopidogrel per sindromi coronariche acute senza rivascolarizzazione

Effetto di Cinacalcet sulla malattia cardiovascolare nei pazienti che si sottopongono a dialisi