Tumori endocrini pancreatici inferiori a 4 cm di diametro: resecare o enucleare ?


I tumori endocrini pancreatici sono solitamente di piccole dimensioni, benigno o maligni di basso grado, e la chirurgia dovrebbe preservare il parenchima pancreatico, per quanto possibile.

Uno studio ha valutato la sopravvivenza postoperatoria e a lungo termine dei pazienti sottoposti a enucleazione dei tumori endocrini pancreatici di piccole dimensioni.

Su 82 pazienti con tumori endocrini del pancreas, 46 con tumore inferiore a 4 cm di diametro, senza metastasi a distanza e con resezione R0 all’esame istologico finale, sono stati inclusi nello studio.

L’enucleazione è stata effettuata quando il tumore non coinvolgeva il dotto pancreatico principale e in assenza di linfoadenopatia peripancreatica ( gruppo A ); una resezione tipica è stata effettuata in tutti gli altri casi ( gruppo B ).

I due gruppi sono stati confrontati per quanto riguarda la mortalità e la morbilità postoperatoria, fistola pancreatica, degenza post-operatoria, re-intervento, classificazione WHO, stadio TNM, recidiva, e sopravvivenza a lungo termine.

Quindici pazienti ( 32.6% ) sono stati inseriti nel gruppo A, e 31 ( 67.4% ) nel gruppo B.

I risultati postoperatori e nel lungo periodo sono risultati simili nei due gruppi, mentre la classificazione WHO era significativamente differente; l’enucleazione è stata effettuata con maggiore frequenza rispetto alla resezione tipica R0 nei tumori benigni ( P=0.009 ).

Dallo studio è emerso che l’enucleazione dovrebbe essere riservata a pazienti con tumori endocrini del pancreas benigni, di diametro inferiore a 4 cm e lontano dal dotto pancreatico principale. ( Xagena2010 )

Casadei R, Pancreas 2010; 39: 825-828



Gastro2010 Onco2010 Chiru2010


Articoli correlati

Farmaco per la sclerosi multipla potrebbe trovare applicazione nel trattamento del tumore del colon-retto correlato alla colite

Cancro del esofago: Cetuximab associato a chemioradioterapia non aumenta la sopravvivenza

Carcinoma epatocellulare: nessun beneficio dalle microsfere a rilascio di Doxorubicina

Farmaco per la sclerosi multipla potrebbe trovare applicazione nel trattamento del tumore del colon-retto correlato alla colite

Rischio di ricorrenza di tumore stromale gastrointestinale dopo chirurgia

Cetuximab, Gemcitabina e Oxaliplatino seguiti da chemioradiazione con Cetuximab per l’adenocarcinoma pancreatico localmente avanzato

Trattamento di successo nei bambini con epatoblastoma ad alto rischio con dose intensiva di polichemioterapia e chirurgia

Panitumumab associato a FOLFOX4 versus FOLFOX4 da solo come trattamento di prima linea nei pazienti con carcinoma colorettale non-trattato in precedenza

Risposta del tumore primitivo a chemioradiazione preoperatoria con o senza Oxaliplatino nel carcinoma rettale avanzato

Intervento sul metabolismo del glucosio: una nuova classe di farmaci contro il cancro del fegato