Vomito: cause


Il vomito, detto anche emesi, consiste nell’espulsione violenta di materiale gastrico o intestinale.

Le cause di vomito sono svariate e riconducibili a diverse patologie che interessano tratti diversi dell’apparato gastrointestinale.

Affezioni dell’esofago come la presenza di diverticoli, possono provocare un rigurgito più che vomito di materiale non acido in quanto il materiale ingerito viene espulso prima di raggiungere lo stomaco.

Tra le affezioni gastriche che possono provocare vomito si trovano, per lo più: gastrite, ulcera gastrica o duodenale.

Il vomito può essere inoltre causato da stenosi o occlusioni intestinali ed, in questo caso, il vomito ha un inizio e una natura diversa in base alla sede della stenosi.
Il vomito può essere quindi biliare ( con emissione di bile ), o fecaloide ( vomito fecale, quando l’occlusione è a livello del crasso ).

Possono dare vomito tutti i tipi di irritazioni peritoneali o mesenteriche quindi: peritonite, appendicite, necrosi pancreatica, ulcera o occlusione di un vaso mesenterico e le infezioni intestinali aspecifiche.

Il vomito può presentarsi anche in caso di stenosi o occlusione delle vie biliari o urinarie, ad esempio per calcoli.

Il vomito può essere legato a stimolazione bulbare rientrando quindi nelle intossicazioni esogene o endogene.
Un esempio è l’intossicazione digitalica, l’uremia ed il coma epatico.
Anche l’iperemesi gravidica rientra in questa categoria.

L’emesi può essere associata ad aumento della pressione endocranica, emicrania, sindrome di Meniere ed anche a molte malattie infettive.

In corso di chemioterapia, si osserva frequentemente la comparsa di nausea e vomito. I chemioterapici altamente emetogeni sono: Cisplatino, Mecloretamina, Dacarbazina, Carmustina, Ciclofosfamide; moderatamente emetogeni: Oxaliplatino, Carboplatino, Ifosfamide, antracicline, Irinotecan; lievemente emetogeni: taxani, VP16, Gemcitabina, Metotrexato, 5FU, Mitomicina; minimamente emetogeni: Bleomicina, alcaloidi vinca, Fludarabina. ( Xagena2008 )


Gastro2008


Articoli correlati

Carcinoma epatocellulare: nessun beneficio dalle microsfere a rilascio di Doxorubicina

Impatto della giovane età su efficacia e sicurezza del trattamento nel carcinoma colorettale avanzato

Incivo è stato approvato dall'Unione Europea per il trattamento dell'epatite C cronica

Terapia adiuvante con Capecitabina e Oxaliplatino per carcinoma gastrico dopo gastrectomia D2

FDA: la singola dose di Ondansetron 32 mg per via endovenosa associata a rischio di prolungamento del tratto QT

Rischio cardiaco con Zofran 32 mg per via endovenosa

Sicurezza di Telaprevir nell’infezione da epatite cronica da virus C

FDA: approvato Prepopik, un farmaco per la pulizia del colon per la preparazione alla colonscopia

Infezione da virus della epatite C con prevalenza di genotipo 1a: Sofosbuvir associato a Ribavirina

Sofosbuvir nel trattamento dei pazienti con infezione da virus della epatite C, genotipo 2/3