Dermatite atopica moderata-grave: corretto impiego di Protopic unguento per ridurre i rischi associati al suo utilizzo

Astellas Pharma Europe, in accordo con l’EMA ( European Medicines Agency ) e l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) ha informato gli operatori sanitari riguardo alle misure cautelative per la riduzione del rischio durante il trattamento della dermatite atopica da moderata a... [Leggi]

Manifestazioni cutanee della sindrome da deficit di DOCK8

Le mutazioni nel gene DOCK8 provocano una sindrome da immunodeficienza primaria combinata, caratterizzata da elevati livelli sierici di IgE, livelli ridotti di IgM, eosinofilia, infezioni sino-polmonari, infezioni cutanee virali e linfopenia.Molti pazienti con carenza DOCK8... [Leggi]

Neoplasie cutanee a cellule B simulanti rosacea granulomatosa o rinofima

A differenza delle neoplasie a cellule T, i disordini linfoproliferativi a cellule B hanno uno spettro clinico limitato di coinvolgimento cutaneo. Le neoplasie a cellule B cutanee che mimano rosacea o rinofima sono rare.Sono stati descritti 12 pazienti con neoplasie... [Leggi]

Gilenya: effetti indesiderati

Gilenya ( Fingolimod ) è un immunosppressore che trova impiego nel trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente in fase attiva.Un totale di 1.703 pazienti trattati con Gilenya ( 0.5 o 1.25 mg ) costituisce la popolazione di sicurezza di due studi di fase... [Leggi]

Eruzione cutanea come indicatore prognostico indipendente per linfoma / leucemia a cellule T

Il coinvolgimento cutaneo viene osservato in circa il 50% dei pazienti con leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto.E' stata studiata l'associazione tra tipo di eruzione cutanea e prognosi in 119 pazienti con leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto. Le eruzioni... [Leggi]

Denileuchina diftitox nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T

Uno studio di fase III, controllato con placebo e randomizzato, ha studiato l'efficacia e la sicurezza di 2 dosi di Denileuchina diftitox ( Ontak ), una proteina di fusione ricombinante che ha come bersaglio i linfociti T maligni che esprimono il recettore di IL-2, nei pazienti con linfoma... [Leggi]

Romidepsina nel linfoma cutaneo a cellule T refrattario: studio pilota

È stato condotto uno studio pilota, a singolo braccio, in aperto e di fase II con l’obiettivo di confermare l’efficacia di Romidepsina ( Istodax ) nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T refrattario.Lo studio ha coinvolto pazienti con linfoma cutaneo a... [Leggi]

Alterazioni delle unghie nel linfoma cutaneo a cellule T: trattamento topico con Mecloretamina

Il linfoma cutaneo a cellule T può essere associato ad alterazioni clinicamente significative delle unghie, la cui presentazione può essere mutevole e fuorviante. Ad oggi, solo pochi studi hanno dimostrato diretta infiltrazione tumorale specifica del letto ungueale, mentre... [Leggi]

Irradiazione cutanea totale con fascio di elettroni e trapianto allogenico non-mieloablativo di cellule staminali emopoietiche nella micosi fungoide e nella sindrome di Sezary in fase avanzata

Attualmente la micosi fungoide e la sindrome di Sézary sono incurabili.Uno studio ha valutato sicurezza ed efficacia di irradiazione cutanea totale con fascio di elettroni e trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche in pazienti con linfoma cutaneo a... [Leggi]

Rischio di seconda neoplasia dopo linfoma non-Hodgkin e leucemia linfocitica cronica

Studi precedenti hanno mostrato un aumento dei rischi di seconde neoplasie dopo linfoma non-Hodgkin e leucemia linfocitica cronica, tuttavia, nessuno studio precedente ha quantificato le differenze nel rischio di nuova neoplasia in base al sottotipo di linfoma.Uno studio ha... [Leggi]

Esiti di sopravvivenza e fattori prognostici nella micosi fungoide e sindrome di Sézary

Uno studio ha analizzato l'esito di pazienti con micosi fungoide e sindrome di Sézary utilizzando la versione recentemente rivista del sistema di stadiazione ISCL/EORTC ( International Society for Cutaneous Lymphomas/European Organisation for Research and Treatment of Cancer... [Leggi]

Linfoma cutaneo a cellule B primario: buona risposta al trattamento in monoterapia con Rituximab

Ricercatori dell’Università di Vienna in Austria, ha condotto un’analisi retrospettiva per valutare il valore terapeutico dell’anticorpo anti-CD20 Rituximab ( MabThera, Rituxan ) in 16 pazienti consecutivi con linfoma cutaneo primario a cellule B... [Leggi]

Fattori prognostici nel linfoma cutaneo anaplastico primario a grandi cellule: caratterizzazione di un sottogruppo clinico con esiti peggiori

I ricercatori della Stanford University a Stanford negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio retrospettivo di coorte per identificare i fattori prognostici nel linfoma cutaneo anaplastico primario a grandi cellule, focalizzando l’attenzione sulla malattia estesa degli arti,... [Leggi]

Micosi fungoide follicolotropica: una variante aggressiva del linfoma cutaneo a cellule T

Ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine a Chicago negli Stati Uniti, hanno studiato le caratteristiche cliniche, le risposte terapeutiche e gli outcome ( esiti ) dei pazienti affetti da micosi fungoide follicolotropica, e le hanno confrontate con quelle di 43... [Leggi]

La terapia della psoriasi

La psoriasi interessa l’1-2% della popolazione generale. È una malattia infiammatoria della pelle, non infettiva, generalmente ad andamento cronico e recidivante.La malattia può presentarsi a qualunque età, ma è più comune tra i 10 e i 40... [Leggi]

Linfoma cutaneo in fase avanzata: il rischio di trasformazione a grandi cellule è molto più basso di quanto riportato in precedenza

Benchè la micosi fungina sia in genere una malattia indolente, i pazienti con malattia in stadio avanzato ( IIB – IVB ), inclusa la sindrome di Sezary, spesso non presentano esiti favorevoli.Un gruppo di ricercatori australiani ha condotto un’analisi... [Leggi]

La prognosi del linfoma primario cutaneo diffuso a grandi cellule B delle gambe non è favorevole

L’obiettivo di uno studio, compiuto da Ricercatori francesi, è stato quello di descrivere le caratteristiche clinicopatologiche e di identificare i fattori prognostici in una ampia serie di linfomi primari cutanei diffusi a grandi cellule B delle gambe ( PCLBCL LT ),... [Leggi]

Inibitori del proteasoma: Bortezomib sembra efficace nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T recidivante o refrattario

Ricercatori dell’Università di Bologna, hanno condotto uno studio con l’obiettivo di determinare l’attività antitumorale del Bortezomib ( Velcade ), un inibitore del proteasoma, nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T ( CTCL ) o linfoma a cellule T... [Leggi]

Targretin nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T

Targretin, il cui principio attivo è Bexarotene, trova impiego nel trattamento delle manifestazioni cutanee visibili nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T ( CTCL ). Il linfoma cutaneo a cellule T è un raro tipo di linfoma ( tumore del tessuto linfatico ), che si... [Leggi]

Efficacia di Vorinostat nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T, avanzato, refrattario

Uno studio pilota di fase IIb in aperto ha valutato Vorinostat ( Zolinza ) nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T, in fase avanzata e refrattario al trattamento. Il 30% dei pazienti ( 22 di 74 )... [Leggi]

Linfoma cutaneo a cellule T: l’FDA ha approvato Zolinza

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Zolinza ( Vorinostat, noto anche come SAHA ) nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T. Zolinza è il capostipite di una nuova... [Leggi]

L’FDA ha approvato Zolinza nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Zolinza ( Vorinostat ) nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T, quando la malattia persiste, va incontro a peggioramento o recidiva, durante e dopo... [Leggi]

Il Bexarotene induce l’apoptosi delle cellule T tumorali nella sindrome di Sézary

Ricercatori della Pennsylvania University hanno analizzato gli effetti del Bexarotene ( Targretin ) sulle cellule T tumorali, isolate dal sangue periferico di pazienti affetti dalla sindrome di Sézary, la... [Leggi]

SAHA migliora le condizioni dei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T, refrattario ed in stato avanzato

In un studio in aperto di fase II, SAHA ( SuberoylAnilide Hydroxamic Acid ), un inibitore dell’istone-deacetilasi, ha indotto in 8 di 33 pazienti affetti da linfoma cutaneo a cellule T, refrattario ed in... [Leggi]

Nuove terapie per la leucemia linfocitica cronica

La leucemia linfocitica cronica, detta anche leucemia linfatica cronica o più semplicemente CLL, è caratterizzata da un numero eccessivo di linfociti. Colpisce prevalentemente persone di 60 anni o più. Alemtuzumab ( MabCampath ) è un anticorpo monoclonale che induce... [Leggi]

Bexarotene nel trattamento della psoriasi a placche: sicurezza ed efficacia

Il Bexarotene ( Targretin ) è un retinoide già utilizzato nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T.Uno studio di fase II ha valutato la sicurezza, la tollerabilità... [Leggi]

Efficacia del Bexarotene gel 1% nel trattamento del linfoma cutaneo a cellule T persistente o refrattario ad uno stadio precoce

Uno studio di fase III ha valutato la sicurezza e l’efficacia del Bexarotene gel 1% ( Targretin ) nei pazienti con linfoma cutaneo T ad uno stadio precoce, persistente o refrattario al trattamento. Sono stati arruolati 50 pazienti con linfoma cutaneo a cellule T... [Leggi]

Espressione del virus di Epstein-Barr nel linfoma cutaneo a cellule T

Il linfoma cutaneo a cellule T (CTCL) è un linfoma non-Hogkin di patogenesi non nota. La micosi fungina (MF) è un sottogruppo della CTCL con intensa infiltrazione delle cellule di linfoma entro l’epidermide. Per determinare se il virus di Epstein-Barr (EBV) sia associato con queste cellule... [Leggi]