Avastin, associato a Carboplatino e Paclitaxel nel carcinoma polmonare non a piccole cellule


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato l’impiego di Avastin ( Bevacizumab ) in associazione al Carboplatino e al Paclitaxel come trattamento iniziale sistemico dei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule, non squamoso, ricorrente o metastatico, localmente avanzato, non operabile.
L’aggiunta di Avastin ad un regime chemioterapico standard ha migliorato il tempo di sopravvivenza in questa popolazione di pazienti.

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule rappresenta il 75% dei 174.000 nuovi casi di tumore al polmone che sono stati diagnosticati nel 2006 negli Stati Uniti.

L’approvazione di Avastin in associazione ai chemioterapici è avvenuta grazie ai risultati di uno studio clinico multicentrico che ha coinvolto 878 pazienti naive al trattamento, cioè che non erano mai stati trattati con chemioterapici.
In questo studio l’età media dei pazienti era di 63 anni ed il 46% era di sesso femminile.
E’ stata confrontata l’efficacia del Bevacizumab associato a Carboplatino e Paclitaxel con la sola chemioterapia ( Carboplatino + Paclitaxel ).

Il tempo mediano di sopravvivenza generale per i pazienti trattati con Bevacizumab, Carboplatino e Paclitaxel è stato di 12.3 mesi contro i 10.3 mesi dei pazienti che hanno ricevuto solo Carboplatino e Paclitaxel.

Le più gravi reazioni avverse associate al trattamento con Avastin, alcune delle quali fatali, sono state: perforazione gastrointestinale, complicanze nella guarigione delle ferite, emorragia, occlusione delle arterie, aumento abnorme della pressione arteriosa, deficienza di albumina nel sangue ed insufficienza cardiaca congestizia.
I più comuni effetti indesiderati riscontrati nei pazienti trattati con Avastin sono stati: debolezza, dolore addominale, cefalea, diarrea, nausea e vomito.

Avastin in combinazione con la chemioterapia basata su 5-FluoroUracile ( 5-FU ) era stato precedentemente approvato nel trattamento di prima e seconda linea dei pazienti con tumore metastatico del colon e del retto. ( Xagena2006 )

Fonte: FDA, 2006

Farma2006 Onco2006




Articoli correlati

I beta-bloccanti aumentano la sopravvivenza nel cancro al polmone

Qualità di vita nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato in terapia di mantenimento con Pemetrexed versus placebo

Tumori infiammatori miofibroblastici nei bambini

Effetto di Critozinib sulla sopravvivenza generale nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato con riarrangiamento del gene ALK

La chirurgia mininvasiva presenta dei vantaggi rispetto alla chirurgia a cielo aperto nel trattamento del cancro dell’esofago

Aflibercept nel trattamento del carcinoma del polmone a piccole cellule, refrattario

Anticorpi anti-PD-1 e anti-PD-L1 rallentano lo sviluppo dei tumori in fase avanzata

Docetaxel superiore a Erlotinib nel tumore polmonare non-a-piccole cellule senza mutazione nel gene EGFR

Cancro ai polmoni con EGFR non-mutato: Docetaxel superiore a Erlotinib

Dabrafenib nei pazienti con melanoma, metastasi cerebrali non-trattate e altri tumori solidi