Correlazione tra insulino-resistenza, adiponectina e mortalità nelle donne con tumore alla mammella


I pazienti con carcinoma mammario in sovrappeso o affetti da obesità hanno una prognosi peggiore rispetto a quelli normopeso.
Ciò potrebbe essere dovuto a iperinsulinemia e ad alterazione dei livelli di adipochina associati a sovrappeso e obesità.

Uno studio ha valutato se i bassi livelli di adiponectina e un maggior livello di insulino-resistenza fossero associati a mortalità per carcinoma alla mammella e a mortalità per tutte le cause.

Sono stati misurati i livelli sierici a digiuno di glucosio, insulina e adiponectina in 527 donne nello studio HEAL ( Health, Eating, Activity, and Lifestyle ), uno studio di coorte multicentrico, prospettico riguardante donne con diagnosi di tumore mammario di stadio I-IIIA.

È stata valutata l'associazione tra i livelli di adiponectina e insulina e glucosio ( espressa come punteggio HOMA [ Homeostatic Model Assessment ] ) rappresentate come misure continue e categorie separate dalla mediana, e la mortalità per tumore alla mammella e per tutte le cause, utilizzando modelli a rischi proporzionali di Cox.

Aumenti nei punteggi HOMA sono risultati associati a ridotta sopravvivenza per carcinoma mammario ( hazard ratio [ HR ], 1.12 ) e ridotta sopravvivenza per tutte le cause ( HR=1.09 ) dopo aggiustamento per possibili fattori confondenti.

Livelli più elevati di adiponectina ( sopra la mediana: 15.5 microg/mL ) sono risultati associati a una maggiore sopravvivenza per carcinoma mammario ( HR=0.39 ) dopo aggiustamento per covariate.

Una misura continua di adiponectina non è risultata associata a mortalità specifica per carcinoma mammario o mortalità per tutte le cause.

In conclusione, elevati punteggi HOMA e bassi livelli di adiponectina, entrambi associati a obesità, sono risultati correlati a un aumento di mortalità da tumore al seno.
Questa è la prima dimostrazione dell'associazione tra bassi livelli di adiponectina e aumento della mortalità per carcinoma mammario nelle pazienti sopravvissute a questo tumore. ( Xagena2011 )

Duggan C et al, J Clin Oncol 2011; 29: 32-9


Onco2011 Gyne2011 Endo2011


Articoli correlati

I beta-bloccanti aumentano la sopravvivenza nel cancro al polmone

Studio CLEOPATRA: Pertuzumab riduce il rischio mortalità del 34% nelle donne con tumore alla mammella metastatico HER2-positivo

Studio DECISION: Sorafenib migliora la sopravvivenza senza progressione nei tumori della tiroide refrattari allo Iodio radioattivo

Avastin associato a chemioterapia nei pazienti con carcinoma metastatico del colon-retto dopo peggioramento della malattia tumorale: approvato dalla FDA

Cancro del esofago: Cetuximab associato a chemioradioterapia non aumenta la sopravvivenza

Carcinoma epatocellulare: nessun beneficio dalle microsfere a rilascio di Doxorubicina

Rischio di ricorrenza di tumore stromale gastrointestinale dopo chirurgia

Qualità di vita nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato in terapia di mantenimento con Pemetrexed versus placebo

Inibitore orale di MEK Trametinib in pazienti con melanoma avanzato

Denosumab: casi fatali da grave ipocalcemia sintomatica, e rischio di ipocalcemia in qualsiasi momento durante il trattamento